LABORATORIO PROMOZIONI

Crediti: 
4
Settore scientifico disciplinare: 
STORIA ECONOMICA (SECS-P/12)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

italiano

Obiettivi formativi

Lo studente dovrà:
conoscere l’origine delle promozioni come strumento di marketing a partire dalle esperienze statunitensi del XX secolo;
apprendere l’importanza delle promozione come elemento che costruisce e consolida un’ampia gamma di relazioni di mercato (produttore/consumatore, produttore/distributore);
interpretare la short promotion dal punto di vista della comunicazione aziendale;
analizzare la complessità progettuale della short promotion;
misurare gli effetti dell’operazione sul mercato;
valutare l’impatto dell’operazione nei risultati aziendali del produttore e del distributore.

Contenuti dell'insegnamento

Il Laboratorio, che si compone di 4 contenuti distinti ma integrati tra loro, analizza le operazioni promozionali “brevi” (short promotion) nella distribuzione moderna. I cicli sono così strutturati:
(i) le origini delle operazioni promozionali a premio con particolare riferimento al caso USA;
(ii) il ruolo delle promozioni nel quadro delle operazioni di marketing in Italia;
(iii) tipologia di short promotion in Italia dal 2000 in avanti;
(iv) la progettazione della short promotion nell’esperienza di un’agenzia del settore loyalty.
I nuclei tematici saranno illustrati da docenti universitari e manager specializzati nell’analisi e nella progettazione dell’attività promozionale.

Bibliografia

I testi di riferimento saranno selezionati in base al lavoro di gruppo prescelto.

Metodi didattici

L’attività didattica prevede sessioni di lavoro con interventi di esperti appartenenti al mondo accademico, alla stampa specializzata, alle aziende del settore delle promozioni. Le lezioni frontali saranno integrate dalla discussione di specifici case studies.

Modalità verifica apprendimento

Nel corso delle lezioni allo studente sarà assegnato un tema da sviluppare attraverso un lavoro di gruppo. I risultati del lavoro saranno raccolti in un paper di gruppo al cui interno si dovrà riconoscere l’apporto di ciascun contributo individuale. Al termine del laboratorio il docente assegnerà un voto così strutturato: per la qualità del paper di gruppo
saranno assegnati fino a 10 punti, per l’apporto individuale al paper di gruppo saranno assegnati fino a 10 punti, per il grado di partecipazione manifestata durante il Laboratorio saranno assegnati fino a 10 punti. L’analisi del paper di gruppo, dell’apporto individuale dato al paper di gruppo e il livello di partecipazione al laboratorio permetteranno di
verificare: (a) le conoscenze e la capacità di comprensione; (b) la capacità di applicare
le conoscenze; (c) l’autonomia di giudizio e la capacità di apprendimento; (d) la capacità di comunicare con linguaggio tecnico appropriato.